FRENITALIA

Un progetto di Davide Mancino

L'inchiesta Frenitalia è il risultato di quasi un anno di lavoro.

L'idea mi è venuta chiacchierando con dei colleghi al Festival del Giornalismo di Perugia, nel 2013. Si parlava di treni, e come succede sempre quando si parla di treni tutti hanno una storia da raccontare. A chi era capitato di passare una notte in carrozza, chi aveva un controllore come miglior amico o arcinemico, chi aveva accumulato talmente tante ore di ritardo che ormai, in una specie di sindrome di Stoccolma, diceva: “È vero non sono un gran che, ma può sempre andare peggio, no?”.

Dopo una settimana passata a seguire lezioni di data journalism vedevo numeri ovunque, così gli ingranaggi hanno cominciato a girare e mi sono chiesto: “Ma al di là degli aneddoti, ci sarà un modo per capire se i treni italiani funzionano bene o male?”. È sempre così: si parte da una domanda innocente e si finisce per passare mesi a fare ricerche.

Così salta fuori che di dati ce ne sono pochissimi, o comunque non sono disponibili, e anche quando sono disponibili sono molto generici. “Queste informazioni non te le daranno mai”, mi ha detto una fonte. Tutto per un servizio che – non dimentichiamolo – è e resta pubblico, dunque pagato dalle nostre tasse.

Nei panni di un lettore, in realtà, la domanda era semplice: “Non mi interessano statistiche né formule complicate. Io di solito vado dal punto A al punto B. Posso sapere se i treni in questa tratta sono puntuali oppure no?”.

Più in là mi sono iscritto alla Data Journalism School (organizzata da Fondazione Ahref e ISTAT) e ho pensato di sottoporgli questo progetto. L'idea gli è piaciuta e mi ha consentito di frequentare il corso senza pagare l'iscrizione, a condizione di pubblicare per loro i risultati.

Il fondamento dell'inchiesta è stato il sito Viaggiatreno, di Trenitalia, in cui ciascuno può inserire il numero del proprio treno e vedere se è puntuale o meno. Un amico programmatore, Francesco Zarrelli, è stato così gentile da scrivere per me uno scraper e questi sono stati i primi due mesi: lavoro, test, nuove modifiche, altro lavoro, nuovi test.

Poi è arrivata la parte più noiosa: far girare il programma per tre mesi – ogni giorno – dal 12 settembre fino al 10 dicembre, così da poter analizzare il maggior numero di dati possibili per un certo numero di corse. L'ideale sarebbe stato farlo per tutti i treni, ma presto ci siamo resi conto che avrebbe richiesto un sforzo molto al di là delle nostre possibilità tecniche.

Raccolti i dati li ho elaborati, cercando di presentarli nel modo più semplice e interessante possibile: da qui l'idea di una mappa e di un lavoro che ha la struttura del long-form journalism – sulla scia (in piccolo, s'intende) di webdoc come Snowfall del New York Times.

Come ho ricordato nell'articolo, i dati raccolti vanno presi con il giusto grado di scetticismo che dovremmo avere verso qualsiasi cosa leggiamo. Sono stati raccolti e studiati al meglio delle mie possibilità e competenze, ma – lo sottolineo – non si tratta di uno studio scientifico. Esiste sempre un margine di errore, tanto più se si tratta di un esperimento (almeno a mia conoscenza) mai tentato in Italia. Il mio invito è prendere questa inchiesta come una base per fare di più e meglio in futuro.

Perché fare una cosa del genere? Ho realizzato Frenitalia per mostrare che l'apertura dei dati al pubblico può creare un ecosistema informativo nuovo, più adatto alla società complessa in cui viviamo. Le informazioni esistono, possono e devono essere raccontate, se vogliamo che le cose cambino.

Alla fine della fiera però lo scopo resta lo stesso: realizzare quella che è sempre stata una delle promesse del giornalismo – un cittadino informato è un cittadino migliore. Come scriveva Luigi Einaudi, la necessità è sempre quella di “conoscere per deliberare”.

Buona lettura,

Davide Mancino

@davidemancino1

blog comments powered by Disqus
Articoli
COMUNICATO
FRENITALIA
Due o tre cose che ho imparato alla #djs13
In alternativa a££'Euro
La ricostruzione della politica parte dai media civici
Un bambino di 3 anni non è un bambino di 6 anni diviso 2
Google decide chi noi siamo
Parlando di democrazia 2400 anni dopo Platone
Riforma elettorale: un cambio di paradigma per garantire la governabilità
Verso l'intelligenza civica
Tu chiamale, se vuoi, relazioni
A Trento un master per diventare manager del sociale
La scuola della buona amministrazione
I Vincitori del CONTEST "VIVA la MONTAGNA"
Percezione, creatività, condivisione: nostalgia del futuro
Media civici politici: una ricerca condotta sul campo
Internet, verifica dei fatti e comportamenti irrazionali
Ahref presenta Futurize: la scuola della società della conoscenza
La fabbrica delle donne
"Cittadini Reattivi" a Bicipace
Ahref al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia
La cultura che crea lavoro
21 profili professionali per il Web
STS, Italia. E la ricerca in Fondazione <ahref
Berlusconi a Servizio Pubblico. Il Fact checking di <ahref con il Fatto Quotidiano.
Startup Educational Week di Londra: il diario delle otto giornate
BERSANI vs RENZI: IL FACT CHECKING CON IL FATTO QUOTIDIANO. PARTECIPATE!
Work in progress – progetto Media Civici con il Sud
Societing ed i tratti distintivi dell'Innovazione Sociale
Memoria digitale e ricerca storica: esperienze e prospettive
Principi generali di Internet
Diritti e obblighi degli utenti: il caso di huffingtonpost.it
0-One: internet raccontata a passi di danza
Inconscio digitale e psicoterapia online
Introduzione al design delle piattaforme Media Civici
Se ti dico innovazione, che cosa ti viene in mente?
Economia creativa e Beni comuni digitali
<ahref e Auser per la terza età 2.0
Che Fare: un premio di 100.000 euro per la cultura e l'innovazione
Consultazione pubblica sui principi fondamentali di Internet
Internet, tv e digitale: i media italiani spiegati in maniera multimediale
Un giorno, camminando per il quartiere
FactChecking e politica…
Licenza di uccidere
La relazione online: Condivisione, Ascolto e Cura
Da Jenin a Gerusalemme: il racconto della vita in Palestina
L'albero delle storie: i giovani italiani si raccontano su timu
La scienza di Internet: stato dell'arte e prospettive
Start up: la Task Force illustra il rapporto a Passera
Il convegno della Società Italiana di Studi su Scienza e Tecnologia
Un sito per sostenere le imprese (e le persone) colpite dal terremoto
Il gioco. Peppino Ortoleva ad Ahref
Governare l'innovazione oltre la crisi: una riflessione sul pensiero di Ezio Andreta
Open Day Italia Startup
Consegnati i premi web Italia alla carriera
La ricerca come mestiere
Innovazione motore dello sviluppo: le proposte di <ahref al Festival Economia
Facebookumentario: la storia raccontata su Facebook
Ahref al Webfest 2012
Le vie del lavoro al Ted x Napoli
Festival Internazionale del Giornalismo: tutti gli appuntamenti con <ahref
Arduino, l'innovazione di successo tutta Made in Italy
Fare informazione insieme per superare i pregiudizi
Mondovisioni: i documentari di Internazionale
IGF Italia 2011: i video integrali di tutte le sessioni di discussione
timu su La7
Weinberger, Falkvinge, Amamou: le lezioni tenute in fondazione <ahref
Sciopero della Rete contro il SOPA
Il libro bianco dell’innovazione sociale
Di muro in Muro: ad Avellino prove di fraternità, all'italiana
Il lavoro dei giornalisti nell'età delle reti
Viaggio nel cuore del “Rione Umanità”
Technologies: useful beings for human beings
Timu @ ItaliaCampania: Invertire la tendenza mettendo al centro i cittadini
Privacy traders: imparar la privacy giocando
IGF Italia: la Rete siamo noi
Ecco il "muro più duro"
Racconti dalle catacombe
Ecosistema mediatico e informazione di qualità
IGF Italia 2011: è online il nuovo sito
Luca De Biase illustra e discute lo scenario mediatico italiano al Center for Civic Media del MIT, diretto da Ethan Zuckermann
Data journalism e visualizzazione grafica dei dati
De senectude 2.0: le nuove tecnologie e l'educazione permanente della terza età
Dispersione scolastica a Roma: i risultati del progetto In-Contro
Prima Assemblea dell'Agenda Digitale
DjangoCon 2011 @Amsterdam
Ritrovare il valore del Pubblico
Il sommerso e l'economia da svelare
Il rifiuto dei rifiuti
Joi Ito è il nuovo direttore del MIT Media Lab
Propublica vince nuovamente il premio Pulitzer
Gli standard dell'informazione: una storia lunga quanto la nostra storia
Cittadini informatori al lavoro. La scuola abbandonata a Napoli
TIMU: il significato di un nome
Alla ricerca della qualità nell'informazione in rete
Cos'è il blog ufficiale di Fondazione <ahref
RSS

Feed RSS

© 2012 Fondazione <ahref | Sede legale: Vicolo Dallapiccola 12 - 38122 Trento - Italy | P. IVA 02178080228 Creative Commons License